3 Problemi e Soluzioni per uno Scambio Linguistico di Successo

Ogni volta che vado in gruppi linguistici su internet, vedo sempre molte persone che cercano partner linguistici. Nel loro post, iniziano sempre presentandosi, la lingua che stanno imparando e la lingua che conoscono. La necessità di un partner linguistico sembra essere una richiesta molto richiesta. Hai mai pensato a quanti di loro riescono a trovare un partner linguistico? Come gestiscono il loro apprendimento con i loro partner linguistici? È sufficiente un solo partner linguistico?

Impara l'essenziale


Aggettivo

Un aggettivo è una parola che descrive un sostantivo. Ad esempio: L'erba è verde.

In molte lingue, è importante cambiare le desinenze degli aggettivi in ​​modo che corrispondano ai nomi che stanno descrivendo, ad es. se è maschile, femminile, plurale, ecc.

Casi

I casi sono usati quando una parola cambia leggermente per esprimere informazioni sul suo ruolo in una frase. Lingue come spagnolo, portoghese, francese e italiano non hanno casi. Il russo, il tedesco, il polacco, il greco e la maggior parte delle lingue dell'Europa orientale li hanno. Ad esempio: der Bruder = il fratello (caso nominativo), des Bruders = del fratello (caso genitivo)

Clausola

Una clausola è come una frase che costituisce la più piccola parte grammaticale di una frase che contiene una proposizione completa. In altre parole, le clausole non devono necessariamente far parte di una frase. Ad esempio: Li ho invitati al parco, ma non volevano venire.

Questa frase è composta da due mini-frasi, o clausole:
Li ho invitati al parco
Non volevano venire

Coniugazione

La coniugazione è quando un verbo cambia per riflettere chi sta compiendo l'azione. L'esempio seguente confronta il verbo "parlare" in inglese con il suo equivalente spagnolo.

Io => speak / hablo
Tu => speak / hablas
Lui/ lei => speaks / habla
Noi => speak / hablamos
Voi => speak / habláis
Loro => speak / hablan

Congiunzione

Le congiunzioni sono parole che tengono insieme proposizioni, parole e frasi. Ad esempio: e, per, ma, o, mentre, così, perché, sebbene, anche se, dopo, appena

Genere

Molte lingue dividono le parole in due o tre generi. In generale, le parole tendono ad avere lo stesso genere nelle lingue che fanno parte della stessa famiglia linguistica, come rumeno, francese, italiano, portoghese, catalano e spagnolo, che derivano tutte direttamente dal latino.

Sostantivo

Un sostantivo è una parola che si riferisce a un oggetto, una cosa, un luogo, una persona o un'idea. Un sostantivo è un nome per qualcosa. Ad esempio: sedia, tavolo, lampada, sole, finestra, sentimento

Numero

In grammatica, "numero" si riferisce a quanti ce ne sono di qualcosa. Spesso abbiamo bisogno di mostrarlo grammaticalmente aggiungendo qualcosa alla parola.

Prefisso/ suffisso

I prefissi vengono aggiunti all'inizio e i suffissi alla fine di una parola per cambiarne il significato. In molti casi, il prefisso o il suffisso ha uno scopo e un effetto chiari sul significato di una parola.

Preposizione

Le preposizioni sono parole che compaiono prima di pronomi o sostantivi, che tra le altre cose sono solitamente usate per esprimere la posizione di un sostantivo nel tempo o nello spazio, o la sua relazione con altri nomi. Ad esempio: su, dentro, a, per, di, da, con, tra, circa, lungo, ecc.

Pronome

I pronomi sostituiscono i nomi quando è chiaro di cosa stai parlando o non vuoi ripetere una parola. Questi sono sette tipi principali di pronomi:

  1. Pronomi personali, che sostituiscono le persone. Ad esempio: io, tu, noi, loro, lui, lei, esso
  2. Pronomi relativi, che introducono clausole relative. Ad esempio: Questo è il libro che ho comprato
  3. Pronomi dimostrativi, che indicano cose o persone particolari. Per esempio: questo, quello, questi, quelli
  4. Pronomi indefiniti, che usiamo quando non sappiamo chi o cosa sia qualcosa. Ad esempio: chiunque, qualsiasi cosa, qualcuno, qualcosa
  5. Pronomi riflessivi, che usiamo per riferirci a nomi o pronomi precedentemente menzionati
  6. Pronomi interrogativi sono parole interrogative per qualcosa o qualcuno. Ad esempio: cosa, quale, quando, dove, chi, di chi, perché, come
  7. Pronomi possessivi mostrano a chi appartiene qualcosa. Ad esempio: mio, tuo, suo, lei, nostro, loro

Soggetto/ oggetto

Il “soggetto” è la parte della frase che compone il verbo. È l'opposto dell'“oggetto” di una frase, che è fatto dal verbo. Ad esempio: Il gatto ha catturato il pesce.
Il gatto => soggetto
ha catturato => verbo
il pesce => oggetto

Nelle lingue che hanno casi, in questo esempio il soggetto "il gatto" sarebbe al caso nominativo e l'oggetto "il pesce" sarebbe al caso accusativo. Questo perché in questo esempio “il pesce” è un oggetto diretto.

Verbo

Un verbo è solitamente descritto come una "parola che fa". Puoi pensare a un verbo come a qualcosa che fai o che può essere fatto. Ad esempio: seguire, scegliere, decidere, pensare, vedere, calcolare

I verbi possono essere suddivisi in tre categorie: azione, collegamento e ausiliario.
Verbi d'azione: camminare, dormire, cucinare, decidere, fare, ecc.
Verbi di collegamento: Il libro è blu. Il ragazzo sembra felice.
Verbi ausiliari: L'ho detto. Lo faremmo. Te l'avevano detto.

Alcuni verbi possono apparire da soli in una frase, senza bisogno di fare riferimento a un oggetto. Questi sono chiamati verbi intransitivi. Ad esempio: Io parlo. Io siedo. Io starnuto. Io arrivo. Io lavoro.

Altri verbi che non possono apparire senza un oggetto sono chiamati verbi transitivi. Ad esempio: Ottengo [qualcosa]. Lancio [la palla]. Io do [buon consiglio].

Alcuni verbi possono essere sia transitivi che intransitivi.

L'ordine delle parole

Le lingue strutturano le informazioni in modo diverso. Alcune lingue hanno un ordine delle parole fisso chiamato ordine delle parole SVO (Soggetto-Verbo-Oggetto). Anche alcune altre lingue hanno ordini di parole fissi, ma usano invece SOV (Soggetto-Oggetto-Verbo).

Alcune lingue, come il greco, l'ungherese e il russo, hanno ordini delle parole completamente liberi e spesso usano casi per mostrare dove si trovano il soggetto e l'oggetto di una frase. Qualsiasi ordine è possibile, ma normalmente le informazioni più importanti vengono inserite all'inizio o alla fine della frase.


Foto da Ivan Aleksic su Unsplash

Commenti

Articoli casuali

Video

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *